QUALITÀ, QUANTITÀ E UN BUNKER IMPENETRABILE: ECCO SARNO

La Pallacanestro Frata Nardò si prepara alla difficile trasferta in terra campana. Conosciamo meglio i nostri prossimi avversari

20.05.2017

La Pallacanestro Sarno, prossima avversaria della Frata Nardò, è una squadra completa che può contare su 10 giocatori interscambiabili tra loro. Nel mese di gennaio ha optato per l'allontanamento dello statunitense Jones, a causa del caos stranieri che in Campania era già in atto, ed ha inserito Marmugi e Dispinzieri.
Durante la stagione regolare, il Sarno ha perso solo tre partite, nessuna tra le mura amiche, piazzandosi al primo posto in un girone tra l’altro molto competitivo. 
Parrillo, il coach, è un addetto ai lavori molto preparato che riesce a far giocare assai bene le sue squadre, dando sempre un'impronta e un'identità ben preciso.
Roster aggressivo ad alta intensità difensiva, Sarno predilige la difesa a uomo ma a volte passa a zona allungata a tutto campo. Hanno due quintetti con caratteristiche diverse: il primo gioca a ritmi più bassi cercando di trovare soluzioni dai loro schemi, il secondo invece alza i ritmi e sfrutta il gioco a tutto campo.

In cabina di regia si alternano Beatrice e De Meo. Simili come caratteristiche, sono due play veloci, in difesa aggressivi ed in attacco pericolosi sia in penetrazione che col tiro da fuori. Sono abili a creare vantaggio in palleggio sfruttando il pick and roll in velocità.

Nel reparto guardie, la formazione campana può contare su giocatori di assoluta esperienza e spessore.
Moccia è il capitano e top scorer del roster, è il leader emotivo della squadra, da sempre sui parquet campani di Serie B e C, mortifero nel tiro da 3 punti uscendo anche dai blocchi. 
Chiavazzo, guardia fino allo scorso anno in Serie B a Maddaloni (14.2 ppg), molto bravo in penetrazione dal lato destro, non disdegna il tiro da fuori ed ha ottima presenza in difesa. 
Dalla panchina i cambi sono Iannicelli,  classe ’91 che dà una grossa mano come cambio sia in difesa per mantenere alti i ritmi con aggressività e presenza, sia in attacco con un buon tiro da fuori. Rianna invece è un ragazzo del ’96, pulito e ordinato, che entra dalla panchina per qualche minuto, si prende i suoi tiri piedi per terra e difende.

Sotto canestro spesso coach Parrillo ha optato per la coppia Marmugi-Rusciano, entrambi sempre protagonisti del campionato di B. 
Marmugi predilige il gioco pulito, ha un ottimo tiro da 3 punti e riesce a variare le soluzioni nel pitturato.
Rusciano è il classico pivot voluminoso d’area, mancino, bravissimo a prendere posizione e ad appoggiare a tabellone sfruttando il fisico. 
Dalla panca entrano Diop e Dispinzieri, molto diversi dai titolari, entrambi corrono e coprono bene tutto il campo. Dispinzieri preferisce giocare fuori dal pitturato, Diop invece è intimidatore d’area, salta, spinge, va sempre a rimbalzo, abile nel giocare il pick and roll con i play, col lavoro sporco riesce a fare sempre il suo.

Ultimo fattore da considerare, ovviamente, è quello ambientale. Palazzetto piccolo e rumoroso come ovvio che sia, dobbiamo rimanere concentrati ed essere duri nei momenti difficili che ci saranno nel corso della gara.

Dritti verso l’oBiettivo!!!

Commenti

SFUMATURE GRANATA NEL PROGETTO AZZURRI
INTERVISTA PRE-SARNO AL COACH DAVIDE OLIVE